Il patrimonio documentario

AS-AN- dall'alto

L’Archivio di Stato di Ancona, in esecuzione della normativa vigente, conserva i documenti, non più occorrenti alle necessità ordinarie del servizio, prodotti dagli uffici statali compresi nel territorio provinciale (archivi notarili, tribunali, questura, catasti etc.), nonché archivi di enti pubblici, di famiglie o  persone, ritenuti di notevole interesse storico.

Tra i fondi individuanti la storia della città nelle molteplici sfaccettature va senz’altro menzionato l’Archivio storico del Comune di Ancona, depositato nel 1971 ed investigato nel corso degli anni da quanti, storici e studiosi a vario titolo, abbiano inteso tracciare un profilo della città nelle sue peculiarità  e mutazioni.

Accanto ai così detti “archivi privati”   di antico regime - Ferretti, Benincasa, Gabuzzi, Sturani ed altri - confluiti insieme all'Archivio storico del Comune di Ancona, meritano di essere segnalati i fondi “Conti” e “Marinelli”: emanazione dell’attività di figure  di spicco nella vita politica e istituzionale nazionale, le carte, testimoniando gli interessi culturali, i legami e le vicende  dei rispettivi produttori, gettano luce, oltre che sulle loro personalità, su momenti specifici della recente storia  non solo cittadina, contribuendo notevolmente alla ricostruzione e conoscenza di eventi, anche tumultuosi, dei tempi più vicini.

Ultimi versamenti in ordine cronologico, da parte del Tribunale e della ASUR di Ancona, hanno portato, rispettivamente, la documentazione dello stato civile-anagrafe (atti di nascita, matrimonio e morte) dell’intera provincia a partire dal 1866 fino alla metà circa del ‘900, e la documentazione dell’Ospedale psichiatrico provinciale di Ancona, di particolare importanza e di forte suggestione per chi voglia intraprendere studi di carattere medico-sanitario, statistico e, soprattutto, sociale.

Particolare menzione inoltre meritano gli Archivi di ingegneri e architetti che hanno operato nel territorio, quali gli archivi  Giacomo Beer, Cesari Augusto, Goffredo Papi,  Eusebio Petetti, Amos Gentiloni Luchetti, Luigi Garlatti Venturini.

                        

                                                                              

 

 

   * (pagina in allestimento)